Carburanti, dal 12 ottobre cambiano le etichette

Autore: Redazione

Carburanti, dal 12 ottobre cambiano le etichette

Mercato auto

Dal 12 ottobre cambieranno le etichette e le definizioni sui distributori di carburante e sugli sportellini che proteggono il tappo del serbatoio delle automobili. Il    cambiamento delle etichette e delle definizioni sui distributori di carburante e sugli sportellini che proteggono il tappo del serbatoio delle automobili, effetto della direttiva Dafi, riguarderà tutta l’Europa. La direttiva interesserà solo i veicoli di nuova produzione e più precisamente:  ciclomotori, motocicli, tricicli e quadricicli, autovetture, veicoli commerciali leggeri (furgoni), veicoli commerciali pesanti (camion) e autobus. Le etichette dovranno essere applicate in modo che siano ben visibili.

I simboli: cerchio per le benzine, quadrato per il diesel

Un cerchio simboleggerà le benzine, un quadrato i gasoli ed un rombo, con angoli arrotondati, sarà il simbolo per i carburanti gassosi. Inscritta in ognuna delle figure ci sarà la sigla del singolo prodotto. Per le benzine l’etichetta avrà la forma di un cerchio. All’interno un numero indicherà la percentuale di alcol etanolo presente nel carburante. Quindi avremo E5 quando la percentuale di alcol è pari al 5%; E10 quando è il 10% , E85 quando è l’85%.   Il quadrato simboleggerà i gasoli.

La sigla XTL indicherà il gasolio sintetico, ovvero non derivato dal greggio. La lettera B precederà la cifra indicante la percentuale di biodiesel presente nel gasolio. Dunque B7 biodiesel al 7%, B10 biodiesel al 10%  e B100 puro biodiesel.   Per i carburanti gassosi l’etichetta avrà la forma di un rombo con gli angoli arrotondati. Al suo interno ci sarà la sigla H2 per l’idrogeno, la sigla CNG per il metano per auto, la sigla LPG per il Gpl e la sigla LNG per il metano liquido.   Un sistema analogo verrà introdotto anche per le auto elettriche. Diversi simboli staranno ad indicare le  differenti tensioni usate e altre specifiche della ricarica.

Gli stessi simboli per tutta Europa

La normativa riguarda tutti i Paesi Ue e non solo. Infatti sono interessati anche i Paesi consociati: Islanda, Lichtenstein, Norvegia, Macedonia, Serbia, Svizzera e TurchiaCiò significa che tutti i consumatori europei, al momento del rifornimento, vedranno sulla pistola del distributore e sul tappo del serbatoio lo stesso simbolo. Questa nuova regola risponde ad un’esigenza dettata dal mercato. I tipi di carburanti sono sempre più numerosi e soprattutto i motori sono sempre più sensibili.



Condividi news su Linked In - Finauto.it