Batterie auto elettriche: costo, durata e smaltimento

Autore: Redazione

Batterie auto elettriche: costo, durata e smaltimento

Consigli per l'acquisto auto

Le auto elettriche hanno nella batteria il vero cuore pulsante della propria alimentazione. All'interno di questo articolo scopriremo quanto costano, la loro durata e il loro smaltimento.

Batterie auto elettriche: come sono fatte e come funzionano

Come primo aspetto, cerchiamo di comprendere come sono realizzate le batterie elettriche.

Non esiste un'unica tipologia di batteria elettrica, ma ogni casa automobilistica realizza una batteria elettrica calibrandola esattamente per l'auto in questione. Ogni batteria ha una diversa autonomia che si realizza a seconda della sua potenza espressa in kWh.

Le batterie sono in grado di accumulare energia chimica che verrà rilasciata sotto forma di elettricità e trasferita al motore elettrico. Quest'ultimo, a sua volta, trasformerà l'energia elettrica in energia meccanica, permettendoci quindi il movimento. Attualmente le batterie utilizzate sono create con il litio.

Questo tipo di tecnologia che permette di avere batterie compatte e leggere sarà sostituita nei prossimi anni. Dal 2025 ci aspettiamo un significativo progresso della tecnologia con l'arrivo delle batterie allo stato solido. Grazie a questa nuova tecnologia, le auto elettriche potranno avere prestazioni superiori con spunti decisamente importanti.

Quanto durano le batterie delle auto elettriche?

Cerchiamo ora di comprendere quanto durano le batterie elettriche. Anche in questo caso dobbiamo considerare un aspetto statistico generale. Le batterie elettriche delle auto hanno una vita che è di circa 8 anni.

La loro capacità dipende soprattutto da due fattori, ovvero dal numero di ricarica elettriche e dalla tipologia di ricarica elettrica effettuata. Più l'auto riceve ricariche elettriche da colonnine veloci, maggiore è il deperimento della batteria. Per rendere il discorso semplice e intuitivo, possiamo dire che, se la batteria viene stressata con una ricarica veloce, cresce il suo deterioramento in termini di efficienza.

Il decadimento medio, comunque, si attesta intorno al 10% della capacità dopo circa 500 ricariche. Ecco quindi che subentra l’importanza del numero di ricariche effettuate. Se abbiamo acquistato un’auto elettrica e la utilizziamo con un chilometraggio attorno ai 5 o 10.000 km annui, possiamo stare sereni sulla sua longevità.

Molte case automobilistiche, infatti, prevedono garanzie, mai inferiori agli 8 anni. Differenze notevoli esistono comunque per i chilometraggi che sono variabili a seconda anche del segmento di mercato dell'auto.

Un'altra garanzia utilizzata dalle case automobilistiche è il mantenimento dello stato di salute. Le case automotive, infatti, garantiscono almeno il 70% di efficienza al termine degli 8 anni.

Costo batterie auto elettriche

Una buona manutenzione ed un regolare controllo routinario, scongiurano la drammmaticità dell’eventuale sostituzione. Non dobbiamo pensare che la batteria di un'auto elettrica abbia il medesimo costo di una batteria di un'auto termica. Il costo di queste batterie , infatti, può raggiungere cifre esorbitanti.

Per una semplice Smart, possiamo pagare anche €9.000 per la sostituzione del pacco batterie, mentre nei casi di SUV di grandi dimensioni, il prezzo può arrivare anche a €40.000. Ecco perchè tutti i fattori che abbiamo fin qui espresso, a partire dall'uso e dalle garanzie, siano da considerare fondamentali.

Quindi, se decidiamo di acquistare un'auto elettrica, il consiglio migliore è di valutare attentamente ogni singolo aspetto.

Smaltimento batterie auto elettriche: come funziona

Dopo aver terminato il proprio ciclo di vita, le batterie elettriche devono essere smaltite. Esistono diverse progettualità delle case automobilistiche, circa una seconda vita delle batterie elettriche.

Sicuramente siamo ancora in una fase iniziale, cioè nel periodo in cui la ricerca scientifica si sta concentrando sulle modalità di riutilizzo delle sostanze nocive contenute all’interno delle batterie, evitando il loro dannoso rilascio nell'ambiente.

Dopo 8 anni di servizio a bordo di un'auto elettrica, la batteria non è comunque da buttare in toto. Può essere benissimo utilizzata in altri ambiti della nostra economia. Possono essere utilizzate, ad esempio, per alimentare i lampioni stradali.

L’area di studi sul recupero è davvero sterminata perché ogni nazione e ogni università possono sviluppare dei progetti di riutilizzo delle batterie elettriche.

Pensiamo infatti che il futuro possa darci molte soddisfazioni su tale ambito. L'attualità è ancora molto acerba sotto questo aspetto e quando parliamo di mobilità sostenibile ci focalizziamo molto sull'utilizzo attuale delle auto.

Ecco perché le diverse case automobilistiche hanno convenienza a riutilizzare le batterie elettriche, in virtù di eventuali crisi future di reperimento delle materie prime. Essendo l'auto elettrica, un'auto rispettosa dell'ambiente, sarebbe un po' un controsenso un’eventuale dispersione di materiali inquinanti legati alle batterie elettriche.

Condividi news su Linked In - Finauto.it