Ho una Cessione del Quinto in busta paga, cosa succede se do le dimissioni?

In caso di dimissioni del lavoratore, il suo datore di lavoro deve comunicarlo subito alla banca.
Possono sussistere 3 diverse casistiche:

  1. Nel caso in cui il tfr accantonato dal lavoratore sia superiore al residuo debito dell’operazione, il datore di lavoro provvederà a saldare la banca erogatrice per estinguere in maniera definitiva il prestito e a consegnare la restante parte del TFR al lavoratore;
  2. Nel caso in cui il tfr accantonato sia pari all’importo del debito residuo, allora il datore di lavoro verserà il tutto alla banca che considererà estinto il prestito;
  3. Nel caso in cui il tfr accantonato dal lavoratore non sia sufficiente a soddisfare tale debito residuo, il datore di lavoro verserà tutto il TFR disponibile alla banca e sarà cura di quest’ultima attivare, presso la compagnia assicuratrice, la copertura Rischio Impiego sottoscritta dal cliente per richiedere la restante parte del dovuto.

Successivamente la compagnia assicuratrice ha la facoltà di:

  1. Rivalersi nei confronti del cliente per richiedere la cifra sborsata;
  2. Rinotificare il contratto di Cessione del Quinto presso il nuovo datore di lavoro e rientrare così dell’esborso in maniera rateale.